Nostalgia del paesaggio (1800-1830)

Nostalgia del paesaggio (1800-1830)

Con il diffondersi del sentimento romantico le montagne perdono la loro aura di terrore. La natura selvaggia è sentita come bella e mite - una realtà di purezza opposta alla sporcizia delle città. Si parte alla ricerca di paesaggi paradisiaci.

Un diorama per l'imperatore
Anche l'imperatore in persona finisce per innamorarsi dei bei paesaggi. Ferdinando I invia alcuni artisti, fra cui Jakob Alt, sul Lago di Garda ed in ogni parte dell'Austria per riprodurre gli aspetti più romantici del paesaggio. Al fine di meglio ammirarne le opere si fa costruire uno speciale diorama.

Homo touristicus
Intorno al 1800 i dizionari inglesi registrano per la prima volta la parola "tourist". Non a caso il termine nasce in Inghilterra, paese nel quale il processo di industrializzazione era avanzato più rapidamente che altrove. La natura, venerata ed ingentilita dai romantici, si contrappone al crescente degrado delle città industriali. Chi se lo può permettere, cerca in essa un angolo incontaminato di pace.